IMG_7518

CONVEGNO COMUNIC. SOCIALE USMI – CISM

Commenti disabilitati 48

Quali frontiere oggi abitano i consacrati? Quale lettura da questi osservatori può farsi sul futuro della vita consacrata? Questi ed altri interrogativi sul tavolo del convegno “Dalle frontiere il futuro della vita religiosa” in programma a Roma, Villa Aurelia, dal 26 al 28 settembre, promosso da CISM USMI Area Solidarietà.

Centrali le due tavole rotonde il 27 con testimonianze di religiosi e religiose impegnati in diverse “periferie”: da Frate Federico Gandolfi in arrivo appositamente dal Sud Sudan e Suor Angela Bipendu Nama, a Frate Francesco Piloni, responsabile del Servizio Orientamento giovani di Assisi e  don Davide Banzato della Comunità Nuovi Orizzonti.

Nel pomeriggio spazio ad una lettura esterna e laica della vita consacrata a cui concorreranno Ernesto Oliviero, Giuliana Martirani e Beatrice Fazi.

“Un’occasione preziosa per lasciarsi interpellare dalle testimonianze e condividere alcune delle riposte concrete e significative messe in campo dai diversi Istituti” spiega don Wladimiro Bogoni  “attraverso la proiezione martedì 26 settembre in anteprima di una sintesi dei 14 cortometraggi prodotti, ciascuno a narrare nell’oggi un’opera di misericordia”, a cui seguiranno i lavori di gruppo.

“Un percorso” spiega Suor Azia Ciairano “che ha fatto emergere risposte efficaci e perlopiù nascoste”. “L’obiettivo” sottolinea Laura Galimberti, giornalista ideatrice del progetto “era di condividere e moltiplicarne lo spirito che le anima; restituire la profezia e la bellezza delle opere di misericordia vissute nell’oggi e della vita consacrata, interpellare e provocare stili di vita e testimonianze”.

Un viaggio intorno alla misericordia, che sogna e prefigura un network per narrare la bellezza della vita consacrata a partire proprio dalle sue opere e testimonianze. Se ne parlerà  in conclusione il 28 settembre con l’intervento del Card. Joaz Braz de Aviz, Prefetto della CIVCSVA su “consacrati e media: quali alleanze?”, la curiosa testimonianza di Ernesto Oliviero, fondatore del Sermig e il contributo di Andrea Tornielli su “la rete: insieme, un’altra frontiera”.

 

Un progetto nato da un desiderio forte: “raccontare il bene nascosto, in particolare quello presente nelle situazioni apparentemente prive di speranza e condividerlo”. Ad illustrarlo al convegno “dalle frontiere il futuro della vita religiosa” promosso da CISM USMI Area Solidarietà in corso da ieri a Villa Aurelia è l’ideatrice Laura Galimberti, giornalista. “Un viaggio in 14 tappe: 30 giorni di riprese, 240 ore di girato, 9 città, 14 diverse realtà, 13 Istituti religiosi coinvolti, 200 persone intervistate per “far emergere e restituire risposte significative in campo, dove la narrazione dell’opera resta centrale e i religiosi semplici strumenti”.

Un lavoro avviato tre anni fa con una ricerca mirata di dati significativi raccolti attraverso i Superiori Provinciali e la rete regionale delle delegate USMI, organizzati poi geograficamente e per opera di misericordia. “Una road map indicata dallo stesso Papa Francesco” spiega “prima con l’indizione di un anno dedicato alla vita consacrata e l’invito a riscoprirne la profezia, poi il Giubileo della misericordia e l’esortazione a fare delle diverse opere un programma quotidiano di vita”.

14 i video realizzati da 20 minuti ciascuno: 6 ultimati con il sostegno della Fondazione Comunicazione e Cultura della CEI, per la regia di Kristian Gianfreda e della Kaleidon di Rimini; gli altri 8 grazie alla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, tramite la Save the dreams amici di don Guanella onlus, con la regia di Nicola Campiotti. Un quindicesimo video “per misericordia, scelti” conclude il percorso: una riflessione sulla vita consacrata attraverso 6 testimonianze e alcune meditazioni di Papa Francesco.

CONV

CONV2

Tra le risposte narrate “la mensa dei cavalli” degli Agostiniani a Bologna, la scuola di seconda opportunità  dei Lasalliani a Scampia, “Villa Capriolo” il laboratorio di umanità  dei Gesuiti a Selva, Casa Scalabrini 634, struttura di seconda accoglienza per rifugiati a Roma. Ancora la realtà  di Casa San Giuseppe Centro di riabilitazione dei Guanelliani per 250 disabili mentali a Roma, la marcia francescana promossa dai Frati minori, il progetto intercongregazionale antitratta promosso da Slaves no more a Ponte Galeria, la presenza stabile di una comunità  delle Suore delle Poverelle Istituto Palazzolo nel carcere di Bergamo, il monastero sold out degli Agostiniani a Tolentino, la scuola di preghiera di San Biagio sul monte Taleo delle Figlie di Maria Ausiliatrice, l’università  del perdono di padre Gianfranco Testa, il Sermig di Torino, l’impegno dei Giuseppini del Murialdo nel creare posti di lavoro per i giovani, la profezia realizzata nel piccolo cimitero di Armo.

“Radicalità, gioia, quotidianità, povertà, comunità e un po’ di follia, sono costanti che emergono nella narrazione” sottolinea Galimberti. “Un pellegrinaggio da privilegiati che ci auguriamo possa pro-vocare, regalare domande a chi lo intercetterà . “Un lavoro pilota e apripista nel suo creare rete tra i religiosi, parte attiva in questo progetto” aggiunge don Wladimiro Bogoni, referente con Suor Azia Ciairano dell’Area solidarietà che ha promosso l’operazione, “chiamati tutti a scendere insieme in questa frontiera, la comunicazione, dove resta ancora molto Altro da dire”.

 

Articoli tratti da www.altrodadire.org

 

Similar articles