Porta Palazzo: pacifica-mente

Commenti disabilitati su Porta Palazzo: pacifica-mente 77

Centro Sereno Regis. Torino, 28 gennaio 2015: “Aperta mente e pacifica mente Cittadine”!.

Non ci siamo incontrati per discutere le varie interpretazioni sul massacro di Parigi, piuttosto che in Nigeria, né sulle cause, sulle responsabilità, sui rimedi. Tutto questo è importante e necessario, e ognuno di noi cerca di farlo come cittadino attivo nella società e nella sua comunità di appartenenza.

Ma lo scopo di questo incontro sta oltre.

“Rinnovare la coscienza della comune umanità” è un imperativo categorico assai più ampio, un impegno assai più totalizzante: “da quando sei nato non puoi più nasconderti!”.

Ci siamo incontrati soprattutto per vivere la fraternità umana che è stata offesa, per vivere ciò che ci fa tutti ugualmente esseri umani, ugualmente addolorati dalla violenza, in qualsiasi forma si manifesti: quella omicida e bellica, quella economica, quella del dominio e della discriminazione, quella che separa e oppone persone, popoli e civiltà…quella che nega, comunque, diritti fondamentali.

Ci siamo incontrati come persone che vogliono con-vivere in giustizia e pace, nel rispetto delle differenze, rinunciando ad ogni pretesa di superiorità.

Persone che lavorano per questo scopo a vari livelli: culturale, educativo, religioso, nel mondo dell’informazione, nel sociale comunque, secondo le proprie capacità e le proprie scelte.

Ci siamo incontrati, con le nostre diverse culture, storie e religioni, ma ci siamo trovati accanto, uguali e vicini nel soffrire il male.

Il silenzio scandito dal gong, alternato a spunti di lettura e di preghiera, dai tanti volti, dai toni differenti, vestita di abiti diversi, ma dall’anima comune, ha generato pace nel cuore di ciascuno.

E lo spirito buono che abita le verità ci ha fatto intuire il mistero della fraternità universale dei “figli di Abramo”.

“Non c’è un NOI occidentali e democratici e un LORO musulmani e terroristi; c’è – semmai – un NOI uomini di pace e un LORO fanatici e violenti, di ogni religione e ideologia” (testimonianza di una giovane musulmana)

 

Sul sito dell’Associazione delle Alpi, Moschea Taiba di Torino galleria di foto e ulteriori contenuti

sr Paola Pignatelli

Tagged with:

Similar articles