Nella Chiesa comunità di dialogo e incontro,

come a  Mornese

 

1° INCONTRO

L’appello di Sr Elide (2 settembre 2016)

Torniamo a casa con un imperativo: trovare strade per suscitare e raccogliere le domande dei giovani, per individuare il loro grido che spesso è un grido muto…e noi ci possiamo fare voce di Gesù che li chiama alla vita vera: -Vieni e vedi. 

 

IN ASCOLTO

  • DEL PAPA

Come suscitare e raccogliere le domande dei giovani? Della gente?

Papa Francesco ci indica e ci chiede di percorrere una strada privilegiata: quella dell’incontro, del dialogo.

Per noi accogliere l’invito del Papa a “sognare una chiesa lieta, col volto di mamma, che accompagna, accarezza” è mantenere viva nelle nostre comunità l’apertura al dialogo, all’incontro, che caratterizza il nostro carisma. La famiglia salesiana è nata da un incontro che poteva sembrare del tutto casuale e che don Bosco non si  è lasciato sfuggire, l’8 dicembre 1841 nella sacrestia di S. Francesco d’Assisi…

Ci mettiamo in ascolto: dal minuto 36:20 a 40:49 (o 45:54)

 

Testo del papa (Clicca per scaricare)

 

  •   IN DIALOGO FRA NOI 

Lasciare tempo per la lettura personale e risposta personale alle domande:

  1. Quale espressione di Papa Francesco ho sentito risuonare particolarmente in me? Perché?
  2. Questa espressione cosa mi suggerisce per il nostro cammino comunitario?

Condivisione di sottolineature e risposte

 

  • CONCLUSIONE

Ai giovani della GMG a Cracovia (dal minuto 28:30 a 33:49)

 

 

2° INCONTRO

A confronto con l’esperienza di Mornese

 

  •  INTRODUZIONE

 

IN ASCOLTO

 

  • DELLLA COMUNITA’ DI MORNESE E DELLE NOSTRE COSTITUZIONI

Lettura (clicca per scaricare)

 

– Riflessione personale e risposta alle domande di approfondimento

  1. Quale caratteristica di Madre Mazzarello e della Comunità di Mornese trovo particolarmente viva nella mia comunità? In quali circostanze e modalità di manifesta?
  2. Quale caratteristica vorrei fosse più viva? Che cosa posso fare io per contribuire a ravvivarla? Cosa possiamo fare insieme?

 

– Lettura pregata,degli articoli delle Costituzioni 50, 52, 34,35 indicati nella traccia, evidenziando come le Costituzioni ci indicano la strada per dare concretezza al comandamento dell’Amore, per “Affrettarci ad amare” perché non ci capiti di “amare troppo poco e troppo tardi”, come dice Benigni.

 

  •  DEL CANTO: Dove la carità è vera e sincera

 

  • CONDIVISIONE

– Condivisione di quanto ognuna ha pensato in base alla traccia

– Raccolta delle caratteristiche più ricorrenti e delle indicazioni concrete di che cosa possiamo fare. Evidenziare le convergenze con il progetto comunitario.

 

  • CONCLUSIONE

 

3° INCONTRO

L’INCONTRO CON GESÙ NEL SACRAMENTO DELLA RICONCILIAZIONE

 

INTRODUZIONE

  1. Perché questo tema
  • L’obiettivo del cammino ispettoriale dell’anno 2016-2017 è:
  • Rinnovare la gioia dell’incontro personale con Gesù nella vita quotidiana”.
  • La seconda scelta della nostra programmazione che indica come punto di cammino: “Vivere con profondità le celebrazioni liturgiche e la vita sacramentale” esprime la consapevolezza che la liturgia e in particolare i Sacramenti sono i luoghi privilegiati in cui Gesù, attraverso la Chiesa e nella Chiesa, si rende presente e ci offre il dono di un incontro con Lui sempre nuovo e strasformante.
  • Sappiamo bene come don Bosco e Madre Mazzarello hanno vissuto questa consapevolezza e ci hanno indicato i Sacramenti, in particolare l’Eucaristia e la Riconciliazione, come appuntamenti imprescindibili per il nostro cammino di Consacrate educatrici.
  • Le nostre Costituzioni ce lo ricordano all’art. 41

In questo tempo favorevole della Quaresima ci soffermiamo in particolare sul Sacramento della Riconciliazione, mettendoci in ascolto della voce Chiesa e della tradizione del nostro Istituto.

  1. Proposte per il nostro cammino:
  • Ognuna di noi è invitata personalmente a confrontare la propria esperienza del Sacramento della Riconciliazione con i testi che vengono suggeriti.
  • Tutte siamo invitate a prepararci alla Pasqua celebrando questo Sacramento come rinnovata esperienza dell’abbraccio del Padre, nella gioia della Misericordia accolta e donata. Se ognuna di noi, in questa Pasqua, offrirà al Padre la possibilità di raggiungere con il Suo abbraccio di Misericordia l’angolo del nostro cuore che ha più bisogno di essere guarito, tutta l’Ispettoria potrà vivere un autentico tempo di Risurrezione che si riverserà sui nostri giovani, sulle nostre comunità educanti, su questo mondo che “costruisce muri”.

 

IN ASCOLTO….

 

….DELLA CHIESA 

Video: Papa Francesco: confessiamoci davanti a Dio senza paura

 

 

Video: Enzo Bianchi: Raccontare l’amore, il figliol prodigo

    da 21’ a 27’

 

Per scaricare il testo della riflessione: In ascolto della Chiesa clicca sul titolo.

Personalmente:

  • Leggere e confrontare la propria esperienza con i due testi proposti:
  • M.Martini: Il colloquio penitenziale (riservato alla riflessione personale)

 

….DELLA COMUNITA’ DI MORNESE

Per scaricare il testo della riflessione: In ascolto della comunità di Mornese clicca sul titolo

Personalmente:

  • Cavaglià: Una comunità che vive la propria identità in continua conversione

 

 

CONDIVISIONE

  • quello che maggiormente colpisce nella lettura del testo di Sr Piera Cavaglià

 

CONCLUSIONE

Prepararsi alla Pasqua celebrando con particolare cura il Sacramento della Riconciliazione